Home Chi Siamo Le mie Rubriche Le origini del tatuaggio
Le origini del tatuaggio
nella foto Roberta Lodovici lavoro di Elisa GangiCarissimi in questo articolo vi parlerò dell'origine del tatuaggio e un po' di tutti gli stili, in modo che voi possiate capire e scegliere quale tatuaggio più si addice alla vostra personalità. Ricordate che i motivi per cui si fa un tatuaggio possono essere molti, ad esempio per raccontare, attraverso l'arte, eventi importanti della propria vita o per rappresentare noi stessi, oppure semplicemente per decorare ed esaltare l'anatomia del vostro corpo. Il tatuaggio deriva dal polinesiano “Tatau”, è una tecnica di decorazione corporale permanente. In molte tribu' viene utilizzata per distinguere la vita sociale dell' individuo all' interno di un gruppo.
Esistono molti stili di tatuaggio di cui i principali sono:
Lo stile giapponese
Dovete sapere che in Giappone i tatuaggi sono chiamati “irezumi” da cui “ ireru”- inserire e “sumi”- inchiostro nero, ma la tecnica tradizionale giapponese è detta “tebori”. Questo è uno degli stili più particolari, in cui il proprio corpo viene utilizzato come una tela con bellissime decorazioni, vive e piene di energia. I disegni più classici sono i dragoni che simboleggiano l' energia spirituale degli elementi della vita, bellissime geische con kimono particolarissimi, sensazionali fenici simbolo di immortalità, fiori di ciliegio simbolo della trascendenza ed evanescenza della vita umana, i demoni che rappresentano il male che vive in tutti noi, il loto con il Buddha simbolo spirituale, le carpe koi simbolo di perseveranza e coraggio, la tigre simbolo di forza.
Lo stile new school
Dovete sapere che i tatuaggi “new school” si rifanno della “vecchia scuola” tradizionale americana, proprio da dove nasce lo stile, particolare per la sua semplicità in cui l' arte viene rappresentata bi dimensionalmente. Alcuni esempi di disegni sono la pantera nera, che per un lungo periodo è stata simbolo di maschilismo, le donnine rappresentate in forma estrema, molto formose e super sexy, rose coloratissime, ciliege succose, dadi e palle da biliardo “8” che simboleggiano la fortuna, le rondini che rispecchiano il sogno di libertà.
Lo stile fantasy
Paesaggi particolarissimi, sfumature incredibili, è molto importante osservare i piccoli particolari di questo stile, composto di personaggi come elfi e fate dall' aspetto birichino, folletti dispettosi, maghi entusiasti, nani e guerrieri dalle lucenti armature che combattono con draghi corazzati, alberi fatati,angeli, insomma proprio un mondo parallelo dove tutto è possibile.
Lo stile realistico
Qui troviamo ritratti sia di persone che di animali, indiani d'America con totem e animali spirituali per chi è amante di questo genere.
Lo stile biomeccanico e organico
Di solito rappresentano creature composte da organi o membra umane fusi indissolubilmente con parti meccaniche, questo stile è ispirato dai lavori di Hans Ruedi Giger, creatore di “Alien”, incredibile artista.
Lo stile Samoa
è composto da disegni stilizzati rappresentanti figure di animali, come tartarughe, gechi e volti di statuette ( simili a quelle dell' isola di Pasqua), tutti simboli di buona fortuna e protezione, di solito accompagnati dal sole stilizzato, simbolo di rinascita spirituale. Solitamente questo stile non vuole colori al di fuori del nero, ma la mia crescita artistica mi ha portato a sperimentare nuove tecniche, sostituendo i riempimenti neri con colori accesi e devo dire che il risultato è davvero incredibile.
Lo stile tribale
è caratterizzato da disegni astratti, formati da linee dalla silhouette molto marcata di solito riempiti di nero, questo tipo di disegno deve seguire le linee anatomiche naturali del proprio corpo esaltandole.
Lo stile decorativo
è composto da disegni molto delicati come foglie, piante, fiori stilizzati e non, che decorano le zone più sexy di una donna, questo è uno stile prettamente femminile.
Ringrazio tutti i miei lettori e ci vediamo alla prossima uscita che sarà il 7 aprile 2009,in cui tratterò le tecniche del tatuaggio e tutte le norme igieniche sanitarie.